CAFElab Studio | Contact Form



 cafelab website  twitter  facebook  pinterest  instagram Image Map

Hai bisogno della la nostra esperienza?
Cerchi una nostra consulenza?
Vuoi pubblicizzare il tuo prodotto sul nostro blog?
Contattaci compilando il modulo sottostante, non tarderemo a risponderti!
Do you need our experience?
We can design for you?
Do you want to advertise your product on our blog?
Contact us by filling out the contact form below, not delay to answer you!



CONTACT FORM


Html email form powered by 123ContactForm.com | Report abuse



Scrivimi




Vi ricordate a scuola i gessetti che scricchiolavano mentre la maestra scriveva alla lavagna? Perchè non ricreare una parete dove esprimere liberamente la propria creatività anche a casa? Ecco di seguito alcuni simpatici spunti!





Immagini: One Kind Design



Le case volanti di Laurent Chehere




Non possiamo fare a meno di restare incantati davanti alla serie di case volanti del fotografo Laurent Chehere. Echi felliniani e un tocco alla Disney si mischiano con realtà tipiche dell'abitato americano e si riflettono in queste architetture che fluttuano in un cielo dai colori delicati di alba o tramonto.





Immagini:  Laurent Chehere



Il loft del Flatiron




Chi non conosce il Flatiron?

Il grattacielo Fuller Building, comunemente noto come Flatiron Building ("ferro da stiro"), è stato uno fra i più alti grattacieli di Manhattan, New York (86,9 metri di altezza) sin dalla sua edificazione, avvenuta nel 1902.
Questo loft, chiamato... appunto Flatiron Loft, è situato al suo interno ed è realizzato completamente in bianco, con piccoli tocchi di colore attraverso oggetti ede arredi che esprimono la personalità di chi lo abita.







Fonte: HomeDSGN (Photos courtesy of One Fine Stay)



FREE I materiali della tradizione





Case in pietra e tradizione




Nel bimestrale di Insider Magazine di Maggio - Giugno 2013 parliamo di case e pietra e tradizione.


Dalle ondulate colline della Toscana agli assolati campi di grano della Puglia, il paesaggio italiano è ricco di manufatti di eredità contadina.

Dalla villa alla cascina, dal casale alla masseria, anche semplici stalle e fienili in stato di abbandono possono divenire oggetto di recuperi affascinanti che riportano a nuova vita un’edilizia “povera” ma dalla grande bellezza formale.

Questo tipo di interventi richiede particolari attenzioni progettuali, che tengano conto delle caratteristiche architettoniche già presenti, degli eventuali vincoli, del contesto ambientale e territoriale in cui essa si colloca, oltre a valutazioni inerenti le modalità e i tempi di fruizione.

I materiali innovativi

Attenzione deve essere posta anche al risparmio energetico, divenuto elemento determinante per l’acquisizione delle autorizzazioni necessarie nei casi di aumento della cubatura.
Una grande possibilità, data dalle tecnologie delle chiusure moderne, è quella di aprire la costruzione verso l’esterno, creando affacci verso paesaggi che, non più coltivati, spesso si sono trasformati in terre disordinate, ma anche, se si è fortunati, in bellissimi boschi o profumato sottobosco di macchia mediterranea.

I materiali della tradizione

La prima attenzione è quella di preservare e rileggere i caratteri tradizionali originari della costruzione come la calce, il cotto, la pietra, le travi a vista, la muratura in tufo con ricorsi in laterizio, i soffitti a volta.
Materiali locali che ci aiutano a riconciliare con la storia e il contesto una costruzione che magari è stata abbandonata per lunghi periodi o snaturata con elementi come le coperture in lamiera. Molto spesso questi casali si presentano come un disordinato intreccio di camere collegate tra loro da scale e dislivelli.

Adattare e valorizzare

La soluzione più congeniale a valorizzare la potenzialità degli spazi interni e adattarli allo stile di vita moderno è quella, dove possibile, di abbattere le distribuzioni interne per ottenere nuovi spazi, molto più ampi e luminosi, nel rispetto del concetto della fruibilità piena degli ambienti con una valorizzazione della continuità visiva e luminosa che sembra tessere un filo tra le varie zone.


Di seguito, un nostro progetto per il recupero di una Masseria nei pressi di Trani.


...continua la lettura QUI



Guest Post: Idee per arredare un terrazzo in città



Oggi, abbiamo il piacere di proporvi il Guest Post di Dana Frigerio, di Dana Garden Design e Blossom Zine, con tante buone idee per arredare i vs terrazzi.
buona lettura!
Finalmente la bella stagione è arrivata! E' quindi giunto il tempo di stare all'aria aperta, se avete a disposizione di un terrazzo ecco qualche suggerimento per arredarlo.

L'effettiva dimensione del terrazzo non è di così gran importanza, a volte terrazzi molto grandi risultano funzionalmente più difficili e dispersivi rispetto a quelli più piccoli, dove il tutto è perfettamente integrato con lo spazio a disposizione.

Le immagini di riferimento che ho selezionato sono di terrazzi dal design ricercato, a volte minimal a volte urban, ma sempre adattabili alle nostre esigenze, l'importante è avere le idee chiare su cosa volete ottenere e su come volete utilizzarete il vostro spazio esterno.

1. Terrazzo con importante pergola decorativa
la struttura è realizzata in cemento come un'importante elemento di decorazione del terrazzo.
L'idea da copiare: i cesti di vimini utilizzati come coprivasi per piante, la lampada in stile etnico chic, i cuscini a righe, bianchi e blu.

2. Strepitoso attico con terrazzo con un'ampia vista della città.
Grande importanza è stata data alla pavimentazione, realizzata tutta in deck in legno, la balaustra invece è in vetro trasparente, per poter godere della vista, i vasi sono in stile minimal, di varie forme, alcuni incemento e altri in acciaio spazzolato con coltivazioni particolari, sedum e graminacee dai colori bronzo-rosso e verde acido.

3. Imponente terrazzo dallo stile e dal design urban
con pavimento in legno che ricopre tutto, dai gradini, alle sedute, fino ad arrivare ad inglobare anche la vasca idromassaggio sul lato in fondo.
Importanti e grandi vasi in ferro verniciato di bianco, dove sono coltivati ariosi bambù, e arbusti di lavande, rosmarini e bossi.

4. Terrazzo decisamente particolare
sia nella forma, stretta e lunga, dove anche la disposizione della pavimentazione aiuta ad allargare lo spazio, sia nella concezione di terrazzo come “tetto verde”, infatti anche la pavimentazione è coltivata a verde, con piante aromatiche, mediterranee e graminacee.

5. Ultimo esempio di terrazzo urbano
dove tutto il disegno del progetto ruota attorno alle fioriere e alle panche.
Vasche in pietra chiara, con coltivate essenze di taglia bassa, quasi delle tappezzanti, per non disturbare la vista sulla città. Anche in questo terrazzo il legno ha un ruolo importante infatti ricopre le pedane, il pavimento e le panche della zona stare.


Guest Post: Dana Frigerio garden designer
http://dana-gardendesign.blogspot.it/
http://blossomzine.eu/



Green...




Questa straordinaria abitazione è situata a Frohnleiten, in Austria, ed è stata realizzata secondo un progetto dei Weichlbauer Ortis Architects. I volumi che la compongono, in calcestruzzo, quasi per gioco, avanzano, alcuni leggermente ruotati, sporgendo dal corpo principale e sono rivestiti interamente di erba sintetica morbida che permette loro di mimetizzarsi quasi completamente con il paesaggio.







Foto: Peter Eder
Immagini: One Kind Design



Insider Magazine | Maggio - Giugno



 

E' online Insider Magazine di Maggio - Giugno 2013! Potete scaricarlo liberamente  QUI!
INSIDER magazine è anche una App disponibile gratuitamente su Apple Store.



Industrial mood a Praga




Ecco come OOOOX, uno studio di architettura di Praga, ha ripensato questo loft di circa 100 mq.Al binaco di pareti e arredi, viene accostato il grigio della resina effetto cemento ed il metallo; il bagno è un boz in vetro a vista camera.








Immagini: One Kind Design



La Torre dei Libri a Londra




Questa casa, una tipica costruzione vittoriana su più livelli a Hampstead, Londra, è stata reinterpretata da  Platform 5 Architects. La peculiarità dell'intervento è soprattutto nella libreria a muro che si estende su due livelli dell'abitazione e che gli ha fatto guadagnare il nome di Torre dei Libri.







Immagini: One Kind Design



C'era una casa tanto piccina...




Un piccolo rifugio tra i boschi in stile Vittoriano... è quanto ha creato con le proprie mani ed il proprio impegno Sandra Foster, con un budget di soli 3.000 $.

Partendo dall'idea di recuperare quanto possibile, è riuscita a ristrutturare questa piccola Gingerbread House (le piccole case di pan di zenzero che decorano il Natale americano), anche se, proprio come dice la famosissima filastrocca, senza bagno e senza cucina!



Immagini: New York Times



Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...