Una casa recuperata a Montreal




Grand Turk è il nome di una residenza privata rinnovata da MARK+VIVI a Montreal, in Canada.
All'originale struttura in legno, è stata affiancata una nuova ossatura in travi e pilastri di acciaio, lasciata a vista e dipinta di bianco. Alcuni pezzi d'arredo vintage, rinvenuti durante la ristrutturazione, fanno ora parte dell'arredo e contribuiscono a caratterizzare l'abitazione.









Via



La casa sull'Oceano




The Pole House, sospesa ad un'altezza di 40 m, offre un colpo d'occhio davvero spettacolare; costruita nel 1970 dall’architetto/ingegnere Frank Dixon sulla Great Ocean Road, in Australia, ultimamente è stata completamente ristrutturata dall’ arch. italiano Franco Fiorentini di F2 Architecture
Caratterizzata da vetrate a 360° che danno l'idea di ergersi fra le nuvole, la casa al'interno è davvero minimale, visto il mare blu che fa da sfondo in ogni ambiente.


Per il pavimento, è stato scelto di utilizzare come materiale il grès porcellanato di Basaltina Stone Project di Lea Ceramiche, che rievoca la pietra grigia della basaltina, nei moduli 60x120cm.


Info: anche cafelab studio ha utilizzato Basaltina Stone Project per la realizzazione di un bagno privato, all'interno di un suo progetto; lo potete trovare QUI

Via 



cafelab architettura, è online il nuovo sito




Con grande piacere presentiamo il nuovo sito web di cafelab architettura!
Chi già ci conosce e chi non ci conosce ancora troverà tutti i progetti realizzati da noi nel corso degli ultimi 8 anni.




Design

Fra le tante novità abbiamo aggiunto una sezione dedicata ai nostri progetti di design: gli arredi realizzati su disegno per i nostri progetti di interior design; li trovate QUI

Stampa

Giornalisti e blogger troveranno una sezione riservata a loro con mediakit e press realease.


Visual Art

E non finisce qui!
Da sempre ci piace sperimentare in tutti i campi legati non solo all'architettura ma anche al design e alla grafica: un'altra novità che troverete sul nuovo sito è la pagina dedicata alla Visual Art.
Il nostro design include progetti per l'arredamento e il lifestyle, cover per smartphone e cellulari, stampe, quadri, orologi, cuscini, T-shirt, felpe, borse, copripiumini, tappeti e molto altro acquistabili sugli shop online: Society6, Redbubble, Casetify, Junique, Liveheroes, Nuvango.

Buona navigazione!


Info: cafelab studio di architettura a Roma



Un appartamento recuperato a Madrid




Gli interni di questa abitazione a Madrid si basano su colori molto chiari, come bianco, marrone e color crema, che rendono gli spazi luminosi e confortevoli. Il bagno, anche prevalentemente bianco, include dettagli di aria retrò molto speciale. Il bianco domina le pareti, tranne quella della cucina, dipinta in un color antracite, che la identifica e caratterizza. Nell'arredamento una certa libertà stilistica ha consentito di mischiare pezzi moderni e attuali ad arredi vintage dall'aria retrò, per un risultato eclettico.







Light Beyond Life, l'evento di Linea Light Group




Nel nostro lavoro - siamo architetti! - capita che l'illuminazione venga trascurata, visto che, per esempio è l'ultima lavorazione della lista e il budget è ormai esaurito...risultato: spesso il progetto di illuminazione è costituito da un unico punto luce, centrato a soffitto, per ogni ambiente (sigh!).
Invece cafelab studio da sempre si occupa, oltre che di interior design, anche di illuminazione; progettare con la luce infatti, è per noi ricercare un'esperienza non solo funzionale ma soprattutto sensoriale; come lighting designers incontriamo i clienti e li aiutiamo immaginare come vivranno e percepiranno gli spazi dove vivono o lavorano.

Così, come non essere emozionati quando Linea Light Group, azienda italiana leader nel settore, ci ha invitato per una full immersion nell'illuminazione, ospiti per un giorno presso la loro azienda?

L'AZIENDA

La storia di questa azienda parte da lontano ed ha inizio nel 1985, quando le tre aziende Minulamp, Eva Stampaggi e Linea Light si uniscono in un nuovo marchio,  Linea Light Group appunto. 
Da allora l'azienda, orientata costantemente nella ricerca e nella collaborazione con i light designer, è cresciuta sul mercato italiano ed estero, esportando nel mondo non solo prodotti innovativi ma anche puro e semplice design made in Italy.
Oggi Linea Light Group è costituita anche da i-Lèd, Traddel e MA[&]DE, ciascuno specializzato nella produzione di lampade per uno specifico settore dell'illuminazione, e si è occupata di numerosi progetti in vari ambiti in architettura. 
Uno degli ultimi ad esempio, è l'illuminazione della Casa di Augusto e della Casa di Livia sul colle Palatino, a Roma.

LE NOVITA' di LINEA LIGHT GROUP

L'evento Light Beyond Life ha preso il via con un tour guidato attraverso la sala esposizione dell'azienda; un percorso "illuminato" dai prodotti più iconici, dedicati all'interior, ma non solo; illuminazione più tecnica e illuminazione da esterni ci hanno accompagnato in due piani di luce allo stato puro.
In questa occasione ci è stato presentato il nuovo sito di Linea Light Group, online dal 2016: più semplice da navigare, pensato per progettisti e light designers, attraverso filtri avanzati, per ogni prodotto mostra non solo schede tecniche e diagrammi ma design e casi studio realizzati. In più, presto sarà attivo sul nuovo sito, un servizio di consulenza personalizzato, dove un light designer aiuterà chi si rivolge a Linea Light Group ad inserire nel proprio progetto non solo l'estetica ma anche gli aspetti più tecnici legati all'illuminazione.
Un'altra novità che ci hanno mostrato in anteprima, è il nuovissimo e-commerce del brand, LineainShop; adatto per gli addetti ai lavori, è anche una vetrina per chi, semplicemente guidato da estetica e buon gusto, si avvicina all'illuminazione per scegliere i prodotti per i propri ambienti.
In ultimo, ma non meno importante per noi che progettiamo con la luce, è la nuova app Linea Light AR per la Realtà Aumentata, che permetterà di scegliere una lampada e trasportarla direttamente nell'ambiente da illuminare!

L'EVENTO

A conclusione di una mattinata interessante, oltre che stimolante trascorsa in azienda, ci hanno condotto "all'interno di un progetto illuminotecnico" di Linea Light Group, presso l'enoteca Ferrowine, per un eccellente pranzo preparato dallo chef stellato Nicola Dinato, di Feva Ristorante.


La struttura, creata dalla famiglia Ferro, da sempre nel settore food&beverages, è caratterizzata da un'imponente struttura dall'atmosfera industriale, con mattoni a vista, legno e tanto ferro.
La luce completa e arricchisce un'esperienza sensoriale legata un'ambiente molto interessante, dove avviene non solo la vendita ma anche la degustazione (FerroDegustation) e l'insegnamento (FerroAcademy) di tutto ciò che è legato al mondo del vino e dei prodotti enogastronomici di qualità.



(Articolo realizzato in collaborazione con Linea Light Group)



Ceramiche Bardelli, ecco la Collezione Colour Tiles




La nuova collezione Colour Tiles di piastrelle in ceramica da rivestimento di Bardelli, realizzata in bicottura con finitura opaca, è caratterizzata da un sistema grafico decorativo costituito da cinque decori combinabili tra loro in verticale e orizzontale. Disegnato da Scholten & Baijings, è realizzato in serigrafia e proposto in otto colori, nel formato cm 20x20, con spessore mm 8.

Già in passato abbiamo utilizzato le piastrelle Bardelli per dare carattere ed originalità ai mostri progetti di interni; potete vedere infatti nel progetto di ristrutturazione casa Appia Antica di cafelab studio i modelli Minoo e Soffio.





Nordiche sfumature di grigio




I materiali dominanti in questa abitazione sono il ferro, il legno grigio e il cemento; l'effetto finale anche se con delle sfumature industriali, è soft e suggerisce in pieno l'atmosfera nordica esterna. Gli spazi sono caratterizzati dagli accenti vintage dei complementi d'arredo, particolari nella loro unicità.






Via



Fotografia, come si fotografano gli interni




Oggi, ci allontaniamo (ma neanche molto!) dal tema dell'architettura e del design e spaziamo nel campo della fotografia, e precisamente della fotografia di interni. Ecco qualche consiglio "mirato" per chi si accinge a fotografare i propri spazi!

La struttura geometrica dello spazio in architettura e' fondamentale cosi come nel campo della fotografia. Quando si vuole fotografare un interno, bisogna innanzitutto individuare le linee che ne definiscono lo spazio per creare quella che viene chiamata composizione, ovvero la scena che si andrà a ritrarre. 



Non solo la geometria ma anche la luce definisce lo spazio, e soprattutto cattura l’occhio dello spettatore. La scelta migliore per ottenere buoni risultati è scattare utilizzando un treppiede o cavalletto, sfruttando la luce naturale diffusa e spegnendo tutte le altre fonti artificiali. In realtà è sconsigliabile scattare con zone dell'ambiente in piena luce del sole, per evitare ombre marcate, parti sbiadite o contrasti troppo violenti. Inoltre, a differenza dell’occhio umano, i sensori della fotocamera sono meno sofisticati e non permettono di cogliere tutte le sfumature delle gradazioni della luce. Si può intervenire in fase di scatto aggiustando il bilanciamento del bianco ma è consigliabile effettuare almeno tre scatti per ogni angolazione scelta, con tre differenti esposizioni, su cui intervenire unendoli in post produzione.


Per individuare la geometria di uno spazio e scegliere come ritrarla, le linee guida della griglia fotografica possono aiutare; infatti utilizzandole come guida per allineare le pareti durante lo scatto, si riescono ad evitare quelle che sono chiamate linee cadenti, cioè le linee in prospettiva. per quanto riguarda i punti di ripresa ottimali, variano a seconda degli ambienti; riprese frontali possono enfatizzare la simmetria di uno spazio, riprese angolari suggerire spazi più ampi del reale. utilizzando un grandangolo si ottiene una foto con molte distorsioni, che andranno corrette con i software di post produzione tipo Photoshop.


TIP: insomma, per capire l'angolazione migliore da cui ritrarre un ambiente, la giusta luce e la disposizione di arredi e complementi, bisogna osservarlo cercando di scattare per enfatizzarne i punti di forza e minimizzarne i difetti (non ritraendoli!), ricordando che la fotografia (non solo di interni) non per forza deve mostrare "ogni cosa" del soggetto ritratto, ma rappresenta ciò che si vuole mostrare attraverso l'obiettivo di una macchina fotografica.



Recupero di un'abitazione sul Lago Maggiore




Il nuovo e l'antico convivono in maniera perfetta in questa abitazione sul Lago Maggiore, recuperata dallo studio studio Wespi de Meuron Romeo Architettura.

L'edificio, disabitato da oltre due decenni prima della ristrutturazione, aveva necessità di una completa ristrutturazione per essere adattato alle moderne esigenze funzionali, tecniche ed energetiche. Oltre ai consolidamenti strutturali eseguiti su solai e copertura, si è scelto di "far emergere la forza delle murature massicce in pietra e la semplicità arcaica dei volumi" dell'edificio, regalandogli un nuovo fascino.





Via



Un appartamento dallo stile scandinavo




Lo stile di questo appartamento svedese, realizzato nei toni del bianco e del nero, sfumati in tonalità neutre, è proprio di quello scandinavo e nordeuropeo.
E' molto interessante e da copiare la parete divisoria "a giorno", realizzata in vetro montato su un mobile basso, che delimita la camera da letto.













Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...