Un appartamento pop a Barcellona




Il recupero di questo appartamento in chiave pop-industriale a Barcellona ci regala numerosi spunti decorativi da utilizzare.
Interessanti e attuali nella caratterizzazione di questa abitazione sono le piastrelle cementine, la parete in mattoni a facciavista, il rivestimento con piastrelle diamantate della cucina e infine la grande parete lavagna da decorare in bella calligrafia!








Via Egueyseta



5 domande per l' architetto



newsletter
subscrive

Spesso, nella scelta degli interventi sulla propria casa, ci si scontra con alcune semplici domande, che presuppongono la conoscenza della normativa urbanistica.

Ecco una selezione di quelle più comuni che vengono rivolte più spesso a noi architetti:

1. Devo abbattere una parete in casa: Serve un'autorizzazione?

Possiamo subito distinguere 2 casi:
  1. se la parete non è portante, si rientra nel caso di manutenzione ordinaria per cui basta richiedere una CIL al Comune (con consegna elaborati + relazione tecnica asseverata da un tecnico) e successiva variazione catastale;
  2. se è portante, potrebbe bastare, oltre a quanto detto in precedenza, la dichiarazione del tecnico che asseveri che tale demolizione nn infici la statica dell'edificio.

2. La mia casa è diversa dalla piantina catastale: Che faccio?

Ci si trova in questa situazione se ci sono interventi pregressi sull'abitazione non dichiarati in Comune; niente paura, per spostamenti di porte o abbattimenti di muri si richiede una Cil in sanatoria (con consegna elaborati + relazione tecnica asseverata da un tecnico) e successiva variazione catastale.
NB: La soluzione "semplice" che a volte viene proposta, ovvero modificare direttamente al catasto la piantina, non è in regola con la legge (anche se con opportune scappatoie è realizzabile...) quindi pensateci prima di attuarla "a cuor leggero"!

3. Devo aprire una finestra: Qual'è la procedura da seguire?

Prima di aprire una finestra, è necessario verificare se sussiste il distacco necessario dall'edificio prospiciente. Quindi, andrà presentata in Comune una SCIA (o una DIA, se ancora esistente) poichè si ricade nella manutenzione straordinaria ma si interviene sulla struttura dell'edificio.
NB: Se l'immobile ricade in zona vincolata, si deve richiedere ANCHE il parere dell'Organo che gestisce il vincolo (Sovrintendenza, Ente Parco, Regione, etc)

4. Ho chiuso il mio balcone e l'ho trasformato in una "nuova stanza": Posso sanarlo?

In linea di massima no, a meno di un nuovo Condono edilizio. In realtà però, è possibile verificare se l'intervento risulti conforme alla normativa urbanistica vigente ed in caso affermativo, richiedere un titolo in sanatoria.

5. Vorrei chiudere la mia terrazza col vetro: Come posso fare?

Per non realizzare un abuso, è importante non utilizzare strutture "fisse" ma scegliere pannelli in vetro mobili; in questo modo non si andrebbe ad incidere sul volume dell'edificio e non si commetterebbe abuso.
NB: In caso di condominio, è possibile che altri condomini vi facciano causa poichè è stato "leso il decoro dell'edificio...

Per consulenze personalizzate --> info@cafelab.it



Rustico contemporaneo a Formentera




Manuel d'en Corda sorge su un terreno di 19.060 m2, nella zona del Venda des Cap de Barbaria, nella parte occidentale dell'isola di Formentera ed è stata recuperata dagli architetti Marià Castelló e Daniel Redolat nel 2008 (foto di Estudi Es Pujol de s’Era).

Il volume del corpo principale di questa ex casa rurale, è caratterizzato dalla semplice capanna spiovente del tetto e dai muri a secco tradizionali, che evidenziano il legame tra questo edificio e le fattorie vicine.

Nella casa "originale" sono stati mantenuti gli spazi comuni (soggiorno, pranzo, cucina e terrazze), mentre al piano terra, nel volume aggiunto, sono state concentrati i locali di servizio (lavanderia, cantina, dispensa, ecc ...) e i locali tecnici.





Via Archdaily



Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...